Buona Pasqua, in attesa della giusta ispirazione

A me sinceramente della Pasqua non importa granché. Non la sento come sta gran festa, ma tant’è.

E se della festa non mi importa molto, figuriamoci se mi importa scriverci su un pezzo.
Non avrei molto da dire. Ma d’altra parte, è un periodo un po’ così. Non ho molto da dire in generale.

2 anni di Jordan

Penso che a breve dovrò cambiare il mio profilo LinkedIN, modificando la qualifica attuale di “PR & Corporate Communications Manager”, in un più altisonante e calzante “PR & Personal Assistant di Jordan El Galgo Dica Conte di Bollate”.

Dal 28 ottobre di due anni fa a questa parte, in effetti, sono diventata a tutti gli effetti non solo la mamy ma anche la personal manager del nostro Jordan.
La data di inizio del mio nuovo mestiere non è per nulla casuale: è stato proprio il 28 ottobre (San Simone) il giorno in cui Jordan ha messo zampa in casa nostra, entrandoci con la leggerezza e l’eleganza che solo un levriero possiede.

Oggi, quindi, è il suo secondo #GotchaDay!

12 settembre

Quattro anni fa oggi, più o meno a quest’ora, perdevo lo status  di “signorina”.
Un po’ per sopraggiunti limiti di età, ma soprattutto perché da lì a poco avrei assunto lo status di “sposina”; o meglio, proprio per i già citati limiti di età, “sposecchia“.

Il 12 settembre 2014, di venerdì, infatti, diventavamo marito e moglie.

Buon compleanno, Hidden Princess!

Il 19 giugno, il giorno prima del compleanno di John Taylor (to’, guarda qui che bella coincidenza!), questo blog ha compiuto due anni di vita!

Quella lacrima sul viso

E così Simon Le Bon è diventato nonno. No-nn-o. Gulp!

L’altro giorno quando l’ho appreso non ho potuto che essere felice per lui e accogliere con entusiasmo il suo tweet carico di orgoglio. Come tutti i nonni del pianeta, credo.
Ho riso, divertita e intenerita, nel leggere i suoi messaggi al mondo.

Bellissimo, totalmente da lui, autodefinirsi “The Glamfather“.

Solo che poi ieri nel raccontarlo ad una collega, mi è scappata la famosa “lacrima sul viso“.

Mi fa impressione.

Turisti per galgo

“Nella casa in cui vivo ormai da un anno e mezzo c’è una stanza dove mi rifugio quando ho voglia di starmene tranquillo o se ho paura del temporale (e io ho dei temporali non ho paura; ho terrore!). Credo si chiami cameretta, quella stanza, o anche “gran casino”, come lo chiama il papy.

Su una mensola sopra la scrivania nella suddetta cameretta/gran casino, c’è una foto che ogni tanto mi soffermo ad osservare.
Ritrae due tipi con in testa due specie di scodelle capovolte, in sella ad uno scooter. Mi pare di aver capito che siano i miei Umani e che la foto sia stata scattata qualche anno fa in Sardegna, durante le vacanze. Sono entrambi sorridenti, abbronzati e sembrano due “pirati”. Ogni tanto la mamy rimira la foto e si lascia scappare un “Ehhhh, vacanze in scooter addio!“, ma senza particolare rammarico, anzi tutte le volte si gira poi verso di me e mi rifila una carezza.

Swimming against the tide, ovvero una vita da pendolare

Ho fatto un rapido calcolo e occhio e croce oggi dovrebbe essere il diecimillesimo giorno (minuto più, minuto meno) della mia vita da pendolare.

È da trentatre anni, fatto salve alcune interruzioni di percorso, che la mia vita si muove sui binari di un treno quasi sempre in ritardo.

Da un rigido gennaio 1985 per l’esattezza, da quando cioè da Milano Città Studi, i parents (cosa gli sarà saltato in mente chi lo sa) ci hanno catapultato a vivere nella Terra di Mezzo, San Zenone al Lambro; ai confini estremi della provincia di Milano a sud, ai confini più settentrionali della provincia di Lodi. Proprio in mezzo. In mezzo… al nulla.

Ogni “maledetta” domenica

Ho sempre detestato la domenica.

O meglio (anzi, peggio), la domenica pomeriggio.

O meglio ancora (peggio ancora), la domenica pomeriggio quando volge alla sera, quando la luce assume una sfumatura grigio-bluastra e l’atmosfera si “svuota” improvvisamente.

Quel “click” che ferma tutto in istante, come a dire che basta, che il tempo del riposo, della casa, della famiglia, del dolce far niente o del frenetico far tutto termina in quel momento preciso e da lì in poi sarà solo un precipitare di secondi, minuti e ore verso il lunedì.

Più che Princess, Regina

Esatto, più che Princess, sono la reginetta. La reginetta sì, ma di cosa esattamente?

Di casa? Mmm, anche no e anche la mia dolce metà ve lo potrebbe confermare seduta stante.

Dei fornelli? Mmmm, me la cavo, ma Suor Germana rimane un mito irraggiungibile.

Di bellezza? Mmmmmmmmm, direi che anche qui, pur avendo tutto sommato imparato ad apprezzare le mie magagne, io e Cindy Crawford – mitissimo irraggiungibilissimo – non siamo esattamente sorelle.

E allora reginetta di cosa?

Semplice, del procrastinare.  Sono una procrastinatrice seriale, io.

It’s Gotcha day! Let’s celebrate!

Cari Umani Miei, sedicenti Mamy e Papy,

è arrivato il 28 ottobre e io un anno fa oggi, intorno alle 4 del pomeriggio, entravo per la prima volta in punta di zampe in quella che allora era la vostra casa, oggi è la nostra.

Era un venerdì, me lo ricordo bene. Ricordo anche che quel giorno sono salito al 5° piano utilizzando per la prima volta in vita mia un ascensore, accompagnato dalla “zia madrina” Micaela  e la zia Alice, che al Rifugio La Fenice erano state così carine con me. Mi hanno salvato da un destino crudele e inenarrabile, lo stesso a cui purtroppo molti galgo come me non sfuggono. In effetti io da loro al rifugio ci stavo bene e tutte le volte che le rivedo sono sempre contento, ma all’epoca non sapevo ancora cosa volesse dire avere una famiglia.